Top Panel
Apri
Top Panel
Esclusione ed auto elusione
mercoledý 07 luglio 2004

      ESCLUSIONE ED AUTO ESCLUSIONE

 Essere donatore significa essere consapevoli che, oltre al dono della vita si può essere anche donatori di morte. Per questo motivo chi si reca a donare il proprio sangue deve necessariamente essere consapevole che un comportamento troppo liberale, se non denunciato, può essere dannoso anche a chi riceve il frutto della propria donazione.
Per questo motivo è opportuno che ogni donatore diventi vigile di se stesso.

Una volta iscritto, l'aspirante donatore verrà sottoposto ad un colloquio (anamnesi) e ad una visita medica completa per verificare se vi siano controindicazioni alla donazione. Successive analisi di laboratorio stabiliranno l'effettiva idoneità all'attività di donazione.
Tutte queste indagini sono volte a tutelare tanto la salute del donatore quanto quella del ricevente.
Per il giudizio di idoneità esistono una serie di criteri, stabiliti da decreti ministeriali, raccomandazioni delle società scientifiche, dell'Unione Europea e dell'Organizzazione Mondiale della Sanità.
Tra questi ricordiamo alcune cause di esclusione (e/o auto esclusione) definitiva:

* assunzione di droghe;
* comportamento a rischio per AIDS e altre patologie malattie sessualmente asmissibili malattie croniche;
* cardiopatie;
* positività per vari test (sifilide, epatiti, HIV);
* epatiti virali.

In alcuni casi, è utile conoscere alcuni dei problemi comuni che inducono ad un temporaneo rinvio delle donazioni.


Sospensioni temporanee dalle donazioni
• Terapie/ Esami:
- 4 mesi per endoscopie e cateteri non monouso
- 7 giorni dall'ultima assunzione per gli antiinfiammatori non steroidei (ad esempio: Aspirina, Orudis, Voltaren, Moment, Feldene, Aulin, Nimesulide, Synflex, Synflex forte 550)
- 7 giorni dall'ultima assunzione dell’ultima compressa di antibiotico o somministrazione di fiale
- 7 giorni per anestesia connessa a interventi di scarso rilievo (ad esempio: otturazione dentale)
- 48 ore: detrartrasi

• Influenza, affezioni di tipo influenzale e Febbre maggiore di 38°C
- 2 settimane dopo la cessazione dei sintomi e la guarigione clinica
- raffreddore determina la sospensione dalle donazioni solo nella fase acuta (lacrimazione, cefalea)
• Intervento chirugico (valutazione del medico)
- 4 mesi per interventi chirurgici.
- 1 anno per gli interventi chirurgici di rilievo o che richiedono tempi lunghi per la completa guarigione clinica (es. dopo gravi traumi, tiroidectomia, isterectomia, interventi su grossi articolazioni, vescica, prostata e genitali)
Resta comunque indispensabile il giudizio medico per la valutazione della patologia che ha condotto all'intervento chirurgico.
• Viaggi all'estero
- 3 mesi di sospensione per i viaggi in zone tropicali non ad endemia malarica . se al rientro non si segnalano episodi febbrili o, a giudizio del medico, in altre zone a rischio sanitario
- 6 mesi per viaggi in zone a rischio malarico, se al rientro non si segnalano episodi febbrili
- Nessuna sospensione ulteriore per l'effettuazione di profilassi antimalarica.
-Non rientrano nella sospensione i viaggi effettuati in Paesi non a rischio e per periodi limitati (da qualche giorno a una settimana).
• Ciclo mestruale: Sospensione durante il ciclo mestruale.
• Epatite A: 3 mesi di sospensione dalla normalizzazione delle ALT. Se è malato un convivente (anche non partner sessuale) 1 mese di sospensione dalla normalizzazione delle ALT della persona malata. Eventuali analisi da richiedersi al Servizio Trasfusionale
• Allergia stagionale: Sospensione finché non sono trascorsi 7 giorni dalla fine dell'episodio allergico. Sospensione di almeno 72 ore dall'ultima iniezione di terapia desensibilizzante.
• Vaccini:
- 48 ore per vaccino antinfluenzale, anti-epatite A , Herpes, rabbia profilattica, tetano, difterite, pertosse, febbre tifoide e paratifoide, colera, febbre delle Montagne Rocciose, poliomielite, peste,
- 4 settimane per anti-epatite B, BCG, antivaiolo antipolio orale, antimorbillo, antiparotite, antirosolia, antifebbre gialla.
- 4 mesi per trattamenti con immunoglobuline
• Tatuaggi: 4 mesi.
• Piercing o agopuntura: 4 mesi, se non si può documentare che è stata praticata da un medico autorizzato e con aghi a perdere.
• Malattie esantematiche (morbillo, varicella, ecc.): 20 giorni dalla guarigione clinica.
• Gravidanza: 1 anno dal parto (sei mesi se interruzione di gravidanza).
• Rapporti sessuali occasionali: 4 mesi
Si rammenta che l'abitudine a tali tipi di rapporti costituisce criterio di esclusione definitiva.
• Esami di idoneità: Esami di routine annuali: validità massima di 15 mesi. Esami sierologici: validità massima 24 mesi dall'ultimo effettuato o dall'ultima donazione.
In caso di transaminasi alterate sono necessari almeno due controlli consecutivi nella norma, prima della riammissione alle donazioni.

 
< Prec.