Top Panel
Apri
Top Panel

Login Form






Password dimenticata?

Visitatori:

donazioni sangue e plasma
sabato 28 gennaio 2012

Il 2011 ha registrato una lieve flessione nel totale delle donazioni di sangue e plasma.

L'analisi di questo dato negativo nei confronti dell'anno precedente riporta alla configurazione socio-geografica del nostro territorio. Un territorio montano, lontano dalle più agevoli "infrastrutture viarie", con una popolazione sempre più anziana che non può più donare, ed una popolazione giovane che trascorre la maggior parte del suo tempo lontano da questi centri, per i motivi più disparati. In primo luogo lo studio, senza dimenticare il lavoro che coinvolge soprattutto il trasferimento della residenza e quindi un abbandono totale delle aree su cui insistiamo. Non ultima la disponibilità di un medico che svolge la sua attività in forma di volontariato puro (non percepisce indennizzi e/o rimborso spese), che comunque deve essere integrata con la sua attività principale, quella di Medico di Medicina Generale.

Comunque, mantenere le "posizioni" per la nostra realtà significa crescere. Infatti il saldo tra i nuovi soci donatori e coloro che, per motivi diversi, non possono più donare è sempre negativo.

Alla fine comunque la cosa più importante è DONARE  (sangue, tempo, idee, comunicazione nelle scuole o nel tempo libero, sui luoghi di lavoro o della famiglia, nelle piazze o nelle strade).

donazioni_1990-2011.jpg

 
PerchŔ Avis
lunedý 12 aprile 2004

 

AVIS

 

A.V.I.S., è l’acronimo di Associazione Volontari Italiani Sangue.
Un’ Associazione di persone, di estensione nazionale, sorta allo scopo di propagandare e realizzare il dono del sangue come atto di solidarietà e civiltà, compiuto in modo volontario, anonimo e gratuito.

A.V.I.S. fornisce una delle poche occasioni per effettuare medicina preventiva in Italia.
Ogni aspirante donatore viene sottoposto ad un colloquio, ad un'accurata visita medica e ad approfonditi esami.
Ad ogni ulteriore donazione lo stesso donatore si sottopone a ulteriori visite mediche periodiche e controlli di laboratorio che di fato consentono un monitoraggio della sua salute rendendo possibile la diagnosi precoci di eventuali malattie. Nel corso delle stesse visite volte al controllo della idoneità alla donazione, qualora si rendesse necessario, il donatore viene anche inviato a medici specialisti.
Rispettando il ritmo di quattro donazioni all’anno per gli uomini e due per le donne, (salvo diverse indicazioni del medico e per le donazioni del plasma in aferesi che possono essere più frequenti). il donatore ha maggiori opportunità peri monitorare il proprio stato di salute.
E' fondamentale infatti, che il malato non riceva sangue infetto che potrebbe aggravare la sua condizione.

A.V.I.S. è impegno quotidiano nella tutela dei propri associati attraverso l'applicazione della legge 219/05 in tutti i suoi aspetti, garantendo il rispetto di quei dettami che direttamente tutelano la loro salute e i loro diritti (anonimato e gratuità della donazione, prelievi ad hoc programmati, tutela dei diritti previdenziali, assicurazione sui rischi e cosi via).

A.V.I.S. è anche luogo di costruzione e condivisione di un'etica della solidarietà dove donatori, medici e attivisti concorrono a definire una cornice relazionale entro cui si dispiegano lo spirito e le motivazioni del dono, poiché il semplice gesto del dono contribuisce a salvare la vita e ad alleviare le sofferenze a chi è a noi sconosciuto.

A.V.I.S. è certezza di collaborare con una struttura amica, che prende su di sé l'onere di far rispettare in qualsiasi momento i diritti del donatore, garantendo che la "risorsa sangue" sia ben “spesa”.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 Pross. > Fine >>

Risultati 5 - 6 di 6